Vai al contenuto
Home » Blog » Ricette d’amore

Ricette d’amore

Su tutti i canali televisivi, in edicola e in libreria continua la fortunata serie di programmi, oltre a riviste e libri, che parlano di cucina, di ricette e di cuochi e in questa mania collettiva sono coinvolti tutti sia italiani che stranieri.
Il cinema ha dedicato al mondo della cucina e dei ristoranti numerosi film e, secondo me, uno dei più belli è Ricette d’amore un film italo-tedesco, del 2001, che vede il nostro Sergio Castellito nella parte di Mario, cuoco italiano in trasferta lavorativa in Germania.
Ricette d’amore, titolo originale Bella Martha, racconta la storia di Martha, chef affermata di un ristorante di Amburgo molto noto e così concentrata a fare bene il suo lavoro da dimenticare che l’ingrediente fondamentale, per rendere memorabile ed indimenticabile ogni piatto, è l’amore.
A travolgere la vita di Martha ci pensa il destino: un giorno la sorella muore in un incidente stradale e lei si trova costretta ad occuparsi, temporaneamente, della nipotina Lina, e questo, fino a quando non verrà rintracciato il padre della bimba di cui la donna conosce solo nome ed indirizzo e che, forse, non sa neppure di avere una figlia.
Con l’ingresso di Lina nella sua vita, Martha è costretta a rimettersi in gioco cominciando a dare la precedenza assoluta ai legami affettivi riscoprendo un mondo che lei aveva dimenticato perché troppo occupata dalla sua vita professionale, fino a quel momento, sua unica ragione di vita.
In questa nuova fase della vita, il rapporto che lega Martha alla proprietaria del ristorante, entra in crisi e, anziché licenziarla, la titolare decide di assumere una persona per aiutarla nella gestione della cucina e dello staff; ecco che entra in scena Mario, cuoco italiano, interpretato da Sergio Castellito.
Mario lavora in modo completamente diverso da Martha; se lei segue rigidamente le regole ed i canoni della cucina lui, al contrario, è una persona molto istintiva e con una carica umana tale da conquistare prima tutto lo staff e poi la piccola Lina che cederà davanti ad un semplice piatto di spaghetti con il pomodoro preparato da Mario dopo aver rifiutato i piatti preparati, con cura e precisione, dalla zia.
Nonostante i modi semplici e discreti, Martha scopre che Mario è dotato di una raffinata maestria culinaria e, lentamente, la personalità rigida e inflessibile di Martha, cede fino al punto da ammettere che la presenza di Lina nella sua vita è diventata sempre più indispensabile.
Ovviamente, come accade sempre, nel momento in cui le cose si stabilizzano ecco arrivare in Germania il padre di Lina pronto ad accogliere la figlia e portarla con se in Italia; questo ennesimo distacco manda talmente in crisi Martha da costringerla ad abbandonare il suo lavoro al ristorante.
Il film non finisce così e, se volete sapere come termina, ve ne consiglio vivamente la visione; a Ricette d’amore assegno 4 stelle su 5: la commedia è piacevole ed è evidente la contrapposizione fra la parte tedesca, sobria lineare e minimalista, e quella italiana che, al contrario, è gioiosa, solare e anche un po’ casinista. L’unica pecca di questo film è il ricorso, sporadico, ai luoghi comuni che vedono i tedeschi piuttosto inquadrati a differenza degli italiani ripresi come persone più libere e fuori dagli schemi
Grazie alla partecipazione a questo film, Sergio Castellito e Martina Gedeck hanno conquistato dei premi sia in Germania che a livello europeo; e, per una volta, a fare un remake ci hanno pensato gli americani con Sapori e dissapori stroncato dai critici che lo hanno definito di qualità inferiore rispetto a quello tedesco.

🤞 Non perderti questi consigli!

Non inviamo spam! Leggi la nostra [link]Informativa sulla privacy[/link] per avere maggiori informazioni.

nv-author-image

Art Spettacoli