Hamlet, Quantum Theater Group – Teatro Studio, 30settembre-4ottobre

1410452666_Hamlet1
 

Piccolo Teatro Studio Melato (via Rivoli 6 – M2 Lanza), dal 30 settembre al 4 ottobre 2014
Hamlet

libero adattamento di Shahram Ahmadzadeh dall’immortale Amleto di William Shakespeare
regia e scene Arash Dadgar, costumi Elham Shabani
con (in ordine di apparizione) Mehran Emambakhsh, Hesam Manzour, Behrouz Kazemi, Ammar Ashoori, Mohammadreza Aliakbari, Amin Tabatabai, Shabnam Farshadjoo, Khosrow Shahraz, Sanaz Najafi, Mehrab Rostami, Amir Rajabi – manager e produttore internazionale Camelia Gazhali
Produzione Quantum Theatre Teheran

Spettacolo in farsi con sovratitoli in italiano

Si apre con una prima nazionale assoluta la stagione 2014-2015 del Piccolo Teatro di Milano: un grande classico, Amleto di Shakespeare, al quale una riscrittura intrecciata di cultura medio-orientale e fisica quantistica riserva nuove e impreviste esplorazioni.
Adattare per la scena i classici – teatro, racconti, romanzi – con un occhio contemporaneo, che tenga conto anche delle moderne teorie scientifiche (il riferimento alla fisica quantistica è nel nome stesso della compagnia): questa è l’ispirazione di Quantum Theater Group, fondato nel 2009, che individua nell’opera di Shakespeare un terreno di indagine privilegiato. “Shakespeare è per me il compendio universale delle contraddizioni della natura umana”, spiega Arash Dadgar, regista e fondatore della compagnia, nato nel 1973. “Lo trovo sorprendente, misterioso, drammatico… è il mio autore contemporaneo iraniano! Nel mio percorso non ho mai voluto mettere in scena le tragedie di Shakespeare ‘alla maniera europea’: sarebbe stato stupido e avrei fatto una brutta copia di quello che altri sanno fare meglio. Mettere in scena Shakespeare significa mettere alla prova se stessi, quel che si sa e che quel che ancora ci è oscuro della vita”.
Hamlet, produzione del 2014, l’ultima di Quantum Theater Group, che va in scena a Milano in lingua farsi con sovratitoli in italiano, nasce da un lavoro di riscrittura durato quattro anni. Il regista sceglie Amleto per cercare una risposta alle tante domande insolute che lo accompagnavano: Amleto è pazzo? Ama Ofelia veramente? Perché Polonio e Laerte non vogliono che Ofelia stia con lui? Lo spettro del vecchio re Amleto è reale o è solo una proiezione mentale del figlio? I sentimenti che Gertrude prova per Claudio l’hanno portata a tradire re Amleto? Claudio ha ucciso il fratello per il potere o per avere Gertrude? E molte altre. “La risposta che mi sono dato”, continua il regista, “è che la tragedia è una continua collisione di elettroni: e come nella fisica, i risultati di quella collisione sono imprevedibili. Se i comici non fossero arrivati a Elsinore, Amleto non avrebbe inscenato nessuna commedia, se Polonio non si fosse nascosto dietro l’arazzo non sarebbe stato ucciso, se Claudio non avesse sposato Gertrude, probabilmente Amleto non avrebbe avuto alcun problema con lo zio… In questo testo, quel che domina è l’incertezza”.