Vai al contenuto
Home » Blog » Al debutto Emma Dante al Franco Parenti

Al debutto Emma Dante al Franco Parenti

Io, Nessuno e Polifemo_Emma Dante_6

Milano, Teatro Franco Parenti – 25 – 30 settembre 2014

EMMA DANTE
IO, NESSUNO E POLIFEMO
Sala Grande

di e con Emma Dante
e con , Salvatore D’Onofrio, Carmine Maringola
e con la partecipazione di tre danzatrici
musiche eseguite dal vivo da Serena Ganci
regia Emma Dante
Produzione Teatro Biondo Stabile di Palermo

Dall’Intervista impossibile a Polifemo, pubblicata nel 2008 da Einaudi nella raccolta Corpo a Corpo, nasce questo progetto in cui viene ripercorso lo sbarco di Odisseo nella terra dei Ciclopi spaventosi.

«Tremante, io incontro Polifemo e piano piano lo conquisto, lui si lascia andare, si mostra ironico, loquace, racconta l’arrivo del nemico dal suo punto di vista e mi spiazza. Gli chiedo un ricordo da portare via e lui, antropofago di carni umane crude, mi svela una ricetta sofisticatissima: crapetto caso e ova. Col tempo, nella solitudine, è diventato di pietra. Ecco la sua descrizione: “song io ‘a caverna. Song tutt’uno con la roccia, monotono e gigantesco, un’enorme montagna senza cuore. Sono di pietra, signò, e voi mi abitate! Al posto dell’occhio tengo ‘n fronte una grotta oscura e il macigno ca ‘nzerra a metà l’entrata è la mia palpebra spezzata. voi site trasùta dinto, signò, nel monumento, e n’avite appena sfiorato la grandezza. Immense sale vuote mi scorrono dint’e vene, sorde e mute. Andate! Visitatele tutte! Tanto come trasìte accussì ascìte, tale e quale, perché non troverete altro che pietra e polvere. La mia voce non è riuscita a entrare nelle vostre orecchie come invece ha fatto quella di Omero, Virgilio, Euripide, Teocrito, Ovidio. Perché la mia voce è privata e voi non siete pronta a coglierne il segreto. Comme ‘e creature vi facite cullà da rapsodie popolari, credendo ai mostri e agli eroi. Signò, io song sempre stato un essere pacifico, monòcolo, sì, ma armonioso, e le pecore, i montoni, i capretti non s’hanno mai appauràto ‘i me. E ora jatevenne! Jamme bella! Ca mi fa male ‘a capa!”
Lo lascio intenerita dai suoi racconti e mentre vado via riecheggia nella caverna la voce di Odisseo. Anche lui è dentro la sua testa.»

Emma Dante

🤞 Non perderti questi consigli!

Non inviamo spam! Leggi la nostra [link]Informativa sulla privacy[/link] per avere maggiori informazioni.

nv-author-image

Art Spettacoli

Enable Notifications    OK No thanks