Va tutto bene @ Teatro Nova Milanese & Teatro Binario 7 Monza | 4, 5, 6 marzo

VaTuttoBene1

STAGIONE 2015/2016

VA TUTTO BENE

drammaturgia collettiva Compagnia Òyes

ideazione e regia Stefano Cordella

con Vanessa Korn, Dario Merlini, Alice Francesca Redini, Umberto Terruso, Fabio Zulli

scene e costumi Mara De Matteis
disegno luci
Christian Laface

aiuto regia Umberto Terruso
assistenti alla regia
Daniele Crasti, Francesco Meola

produzione Compagnia Òyes
con il sostegno di Teatro Filodrammatici

*****************

venerdì 4 marzo, ore 21.00

presso

TEATRO DI NOVA MILANESE

via Giovanni Giussani, 9 – Piazza Gio.I.A. | Nova Milanese (MB)

Venerdì 4 marzo la Compagnia Òyes calcherà il palco del Teatro di Nova Milanese, dopo la recente riapertura al pubblico dello spazio teatrale, con Va tutto bene, una tragicommedia sul tema dell’abbandono, declinato in diverse forme. Ma non sarà l’unico appuntamento dei giovani attori: la Compagnia, già nota al pubblico monzese e tra i protagonisti della passata stagione teatrale, porterà lo spettacolo anche sul palco del Teatro Binario 7 di Monza, sabato 5 e domenica 6 marzo.

Va tutto bene è uno spettacolo divertente che tratta, in maniera delicata, temi universali come la famiglia, la morte, l’amore, il sesso, l’amicizia. In scena cinque attori, Vanessa Korn, Dario Merlini, Alice Redini, Umberto Terruso e Fabio Zulli che, mossi da un incontenibile bisogno di amore e compagnia, si barcamenano alla disperata ricerca di contatto umano scontrandosi inevitabilmente con la grandissima paura di farsi male. La regia è firmata da Stefano Cordella, giovane attore, autore, regista, direttore artistico della stagione di prosa del Teatro di Nova Milanese, con Corrado Accordino, e insegnante presso La Scuola Delle Arti di Monza insieme a Vanessa Korn, Dario Merlini e Fabio Zulli.

LO SPETTACOLO

Al centro della vicenda c’è Attilio, figlio quasi diciottenne timido e inesperto, che deve fare i conti con l’ingombrante assenza del padre Ruggero e con la frustrante presenza della madre Annamaria, totalmente anestetizzata dalla televisione. Attilio, non avendo più punti di riferimento, si affida all’amico Edo che si pone nei suoi confronti come un vero e proprio maestro di vita guidandolo verso un discutibile viaggio alla ricerca della felicità. Solo l’arrivo della bellissima e misteriosa Lilly, venuta direttamente dal Paradise per portare notizie di Ruggero, sconvolgerà la vita di Attilio costringendolo alla resa dei conti con il padre e a mettere in discussione gli insegnamenti non proprio ortodossi dell’amico Edo.