Vai al contenuto
Home » Blog » “Shitz: pane, amore e…salame” > ATIR Teatro Ringhiera, dal 14 al 17 maggio

“Shitz: pane, amore e…salame” > ATIR Teatro Ringhiera, dal 14 al 17 maggio

Shitz_Idiot Savant

ATIR Teatro Ringhiera
Piazza Fabio Chiesa / via Pietro Boifava 17 – Milano
presenta

da giovedì 14 a domenica 17 maggio 2015
[da giovedì a sabato ore 20.45 – la domenica ore 16]

Idiot Savant e Ludwig
presentano
SHITZ
pane, amore e…salame
liberamente tratto da Hanoch Levin
traduzione Matthieu Pastore
drammaturgia e regia Filippo Renda
musiche Simone Tangolo
con
Matteo De Mojana, Mauro Lamantia, Matthieu Pastore
Mattia Sartoni, Laura Serena, Simone Tangolo

Una commedia nera in cui si ride fino a piangere, un ‘cabaret sfigato’ che rivela con cinismo tutte le brutture della nostra specie: è “Shitz: pane, amore e…salame” di Idiot Savant in scena ad ATIR Teatro Ringhiera da giovedì 14 a domenica 17 maggio, liberamente tratto da Hanoch Levin, traduzione Matthieu Pastore, drammaturgia e regia Filippo Renda, musiche Simone Tangolo, con Matteo De Mojana, Mauro Lamantia, Matthieu Pastore, Mattia Sartoni, Laura Serena, Simone Tangolo.

Mangiare o essere mangiati? In casa Shitz il tema del cibo, tanto caro alla nostra città in questi mesi di Expo, scandisce l’esistenza dei suoi abitanti. Non si tratta però di una famiglia di buongustai: essi piuttosto divorano tutto ciò che gli capiti vicino alle fauci, fino a divorare i membri stessi della famiglia. È così che Shitz e Setcha cercano di maritare la loro brutta, grassa, unta figlioletta Shpratzi. E a una festa, tra una patatina fritta e l’altra, la ragazza incontra l’amore della sua vita, Tcharkes, che decide la sera stessa di sposare Shpratzi e di organizzare l’omicidio del padre di lei per ereditare tutti gli averi del padre tignoso.
Rielaborando il testo di Hanock Levin, Filippo Renda tenta di cogliere i lati più grotteschi ed estremi della vicenda volendo esaltare, nella prima parte, le intuizioni comiche geniali proprie della cultura Yiddish e, nella seconda, la profondità della riflessione sociale che esce dalla realtà narrata circoscritta, per divenire in modo preoccupante universale.

Da giovedì 21 a domenica 24 maggio Idiot Savant presenta “L’Isola. Come cercare la felicità in 12×8 metri” realizzato con gli Over 60 che hanno partecipato al laboratorio teatrale annuale del Teatro Ringhiera. Che cos’è la felicità? Una spedizione di venti esploratori parte alla volta dell’oceano per scoprirlo. Tra loro personalità come Galileo Galilei, Marco Polo, Aurobindo, ma anche Mafalda, la Sirenetta e Ninì Tirabusciò.

🤞 Non perderti questi consigli!

Non inviamo spam! Leggi la nostra [link]Informativa sulla privacy[/link] per avere maggiori informazioni.

nv-author-image

Art Spettacoli