Matthew’s Bourne Sleeping Beauty – Teatro degli Arcimboldi – dal 5 all’8 maggio

MatthewBourne_SleepingBeauty-photybySimonAnnand_SB-ED2-232 (2500x1726)

Regia, Coreografia e Adattamento di Matthew Bourne

Musica di Pëtr Il’ic Čajkovskij

Scene e Costumi di Lez Brotherston

Design Luci Paule Constable 

Design Suono Paul Groothuis

Una produzione New Adventures

Milano – Teatro degli Arcimboldi

dal 5 all’8 maggio 2016

Arriva a Milano al Teatro degli Arcimboldi “Sleeping Beauty”, lo spettacolo del grande coreografo inglese Matthew Bourne, unica tappa italiana del tour 2015-2016 presentata da BaGS Live. 

Il pubblico milanese potrà assistere all’esuberante riadattamento del balletto classico di Čajkovskij diretto da Matthew Bourne, il geniale coreografo acclamato per la sua originale e trasgressiva versione di “Swan Lake”.

Lo show torna in Italia e va in scena al Teatro degli Arcimboldi dal 5 maggio 2016, dopo le date del giugno 2013 che avevano conquistato il pubblico del Ravenna Festival.

Con “Sleeping Beauty” Matthew Bourne completa la trilogia sulle musiche di Čajkovskij iniziata nel 1992 con “Nutcracker!” e continuata nel 1995 con “Swan Lake”.

La fiaba di Perrault che narra di una principessa caduta in un sonno lungo cent’anni a causa di un incantesimo divenne un balletto nel 1890 per mano del coreografo Marius Petipa sulle musiche di Čajkovskij. Matthew Bourne prende questa data come punto di partenza e ambienta il battesimo di Aurora, l’eroina di questa storia, nell’anno della prima presentazione del balletto, al culmine del periodo fin-de-siècle quando fate, vampiri e opulenza decadente nutrivano l’immaginario gotico. Con lo scorrere degli anni Aurora cresce e ci spostiamo nella rigida età edoardiana; una mitica età dell’oro fatta di lunghi pomeriggi estivi, partite di croquet e danze alla moda. Anni dopo, al risveglio dal suo lungo sonno, Aurora si ritrova nell’età moderna, un mondo più misterioso e fantastico di qualsiasi fiaba!

Matthew Bourne ambienta la fiaba in un inquietante scenario gotico; il tradizionale scontro tra bene e male e il tema della rinascita fanno da sfondo ad una storia d’amore soprannaturale che attraversa i secoli e che neanche lo scorrere del tempo può ostacolare.
Per questa creazione, Matthew Bourne si avvale di nuovo dei suoi fidati collaboratori: i pluripremiati Lez Brotherston per le scene e i costumi, Paule Constable per il design luci e Paul Groothuis per il sound design.

Un appuntamento imperdibile con una favola gotica che non mancherà di stupire e conquistare il pubblico milanese. La storia tradizionale del bene contro il male e la rinascita saranno capovolte nella creazione di un racconto d’amore soprannaturale che il passaggio del tempo stesso non può ostacolare.

‘Wonderful. Bourne’s clever gothic re-write. Beguiling and true’  The Guardian

 ‘Bourne’s exuberant re-imagining. An action packed evening greeted with cheers’ The Times

‘Tongue in cheek humour, contemporary references and accessible theatrical dance’ Time Out

 ‘Extraordinary. Fantastic. Dazzling. Masterful.’  Sunday Express