Charioteer Theatre, il teatro in lingua originale – dall’8 al 23 gennaio

1419951156_Tobeornote

Dall’8 al 23 gennaio 2015 al Teatro Studio Melato

Il teatro in lingua originale torna al Piccolo

con il Charioteer Theatre di Laura Pasetti

Un mese di spettacoli e laboratori, mattino, pomeriggio e sera

 

Con WORDSANDSOUNDS, al Teatro Studio Melato dall’8 al 23 gennaio, si rinnova una consuetudine ormai cara alla programmazione per ragazzi (ma non solo) del Piccolo Teatro: dalla Stagione 2008/2009 il teatro in lingua originale del Charioteer Theatre, la compagnia scozzese (di Edimburgo) fondata da Laura Pasetti è un appuntamento prezioso che quest’anno si arricchisce abbracciando un intero mese, il gennaio 2015. Quattro gli spettacoli in programma, modulati pensando al pubblico delle scuole, dell’università, ma anche al pubblico serale, e con laboratori per insegnanti e studenti: solo al mattino per il pubblico delle scuole (da 11 anni) To be or… Note!; per il pubblico serale e i ragazzi dai 14/15 anni Light Killer, Shakespeare vs Shakespeare on air e Beckett’s Sounds.

WORDSANDRAWINGS

Nel foyer del Teatro Studio Melato, prima di ogni rappresentazione, gli spettatori potranno partecipare a WORDSANDRAWINGS. Sotto la guida dell’illustratrice Shirin Karbor, il pubblico è invitato ad ascoltare quattro storie, interpretate da quattro attori diversi. Shirin e la sua collaboratrice Caterina Bianchini trasferiscono le loro emozioni su carta, ma sarà il pubblico a terminare i disegni. Il risultato sarà un disegno a più mani, nato dal suono delle parole e modellato dalle sensazioni e dalle suggestioni che ogni storia offrirà all’ascoltatore.

 

Piccolo Teatro Studio Melato, dall’8 al 14 gennaio

To be or… Note!

ovvero Il club degli indecisi

scritto e diretto da Laura Pasetti, musiche Davide Borri, luci Malcolm Rogan

con Alan Alpenfelt, Nicola Ciaffoni, Gary Quinn, Adele Raes, Clare Ross

coproduzione Charioteer Theatre e Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa

in collaborazione e con il supporto di Italian Cultural Institute of Edinburgh

 

Cinque attori, cinque personaggi, cinque monologhi da Shakespeare. Cinque persone che non sanno decidere: per vigliaccheria, per amore o per convenienza. Ambientazione surreale e musica rap sottolineano e differenziano le diverse “indecisioni” di ciascuno. Una lente d’ingrandimento sull’essere umano, un approfondimento delle tematiche shakespeariane e un modo per apprezzare il ritmo e la musicalità del verso, con l’aiuto della musica che più si avvicina alla funzione del pentametro giambico: il rap. Per avvicinare i ragazzi al mondo di Shakespeare, la compagnia scozzese propone uno spettacolo che svela al pubblico che il pentametro giambico, verso classico della poesia inglese, non è così alieno al nostro orecchio!

 
 

Piccolo Teatro Studio Melato, dall’8 al 16 gennaio

Light Killer 

di Magdalena Barile, traduzione Maggie Rose, regia Laura Pasetti

luci Manuel Frenda, musiche Zeno Gabaglio, con Alan Alpenfelt e Adele Raes

produzione Charioteer Theatre in collaborazione con Zweetz

anteprima Fringe Festival di Edimburgo – agosto 2014

in collaborazione e con il supporto di Italian Cultural Institute of Edinburgh

 

Titolo originale: Lait come latte, ma anche Light come luce, come leggerezza e versatilità (la traduzione nel titolo è Light). La parola, il corpo, l’immagine, tre linguaggi differenti per raccontare una storia: quella di due corpi e delle loro luci. Mikail e HotCal, giovani e luminosi, vengono reclutati dal Greco, fantomatico artista, con il compito di brillare per lui. In cambio della loro luce, Mikail e HotCal sperano di ottenere fama e bellezza e diventare a loro volta opere d’arte. La scissione fra luce e corpo, specialità incontrastata del Greco, non manca però di inquietanti effetti collaterali… Light Killer, scritto da Magda Barile e tradotto da Maggie Rose è la storia di un patto faustiano, dove i protagonisti dovranno scegliere da che parte stare, in ombra oppure in luce, nel corpo o fuori dal corpo.

 
 

Piccolo Teatro Studio, dal 19 al 23 gennaio

Shakespeare vs Shakespeare on air

di Laura Pasetti e Gianni Guardigli, regia Laura Pasetti

con Clare Ross, Gary Quinn, Philip Kingscott, Nicola Ciaffoni

luci a cura degli studenti corso “Illuminotecnica e lighting designer” promosso da ICARE-formazione e sviluppo ONLUS

project manager Nadia Fiorio, sopratitoli a cura di Chiara Freddi

coproduzione Charioteer Theatre e Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa

in collaborazione e con il supporto di Italian Cultural Institute of Edinburgh

 

Alcuni attori che recitano Shakespeare per un programma radiofonico rimangono bloccati nella stazione radio dopo un terribile disastro che ha colpito il mondo intero e forse distrutto l’intera popolazione. Decideranno di continuare a recitare Shakespeare scegliendo scene da Riccardo III, Misura per Misura, Giulio Cesare, La Tempesta e Romeo e Giulietta, per sopravvivere, per restare umani, nella speranza che qualcuno sia ancora vivo e stia ascoltando.

 
 

Piccolo Teatro Studio, 23 gennaio ore 20.30

Beckett’s Sounds

A visual study on Samuel Beckett’s Words & Music

testo e regia Alan Alpenfelt, con Adele Raes, Zeno Gabaglio, Xelius, El Toxique dei Niton

coproduzione Charioteer Theatre e Zweetz  

 

Cosa succede quando non possiamo esprimerci liberamente, nelle società totalitarie dove la comunicazione è limitata, ma anche nelle società libere dove il linguaggio è ormai ridotto ad un “tweet”?

Laura Pasetti risponde con uno spettacolo, in anteprima al Piccolo, tratto da due lavori di Samuel Beckett, That Time e Words and Music, nella convinzione che i segnali lanciati mezzo secolo fa dall’autoreirlandese sulla fragilità del linguaggio siano di una disarmante attualità.